Il bastione dei pescatori

Bastione dei pescatori, Budapest

Una delle principali attrazioni di Budapest è il Bastione dei Pescatori, una fortificazione risalente al XIX secolo che si affaccia sul fiume Danubio, sul versante di Buda.

Conosciuto in Ungheria con il nome di Halászbástya, il Bastione dei Pescatori venne costruito su un tratto delle mura di fortificazione della città per festeggiare il 1000° anniversario della nascita dell’Ungheria. La struttura, che si caratterizza per la presenza di sette torri di avvistamento, è un vero gioiello architettonico che porta la firma dall’architetto Frigyes Schulek.

Edificato in stile medievale, oggi il Bastione dei Pescatori regala sia agli abitanti della capitale ungherese che ai turisti delle stupende viste panoramiche sulla città e sul Danubio, il secondo fiume più lungo d’Europa.

Se stai pianificando la tua visita a questa fantastica attrazione, ricordati che il Bastione dei Pescatori è pieno di visitatori in qualsiasi momento della giornata, ed in particolar modo da mezzogiorno fino al tramonto.

Soprattutto quando il sole tramonta, i visitatori cercano di scattare la foto perfetta tra gli incantevoli archi del Bastione. Per evitare la folla e visitare la struttura in santa pace è consigliabile arrivare la mattina presto oppure dopo il tramonto, quando è già calata la notte.

Cosa vedere

L’attrazione principale del Bastione dei Pescatori sono le 7 torrette di avvistamento, dalle quali si può godere di una fantastica vista panoramica sulla capitale ungherese, in particolar modo sul Danubio, che fa parte del patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Nel cortile meridionale del Bastione si trova la maestosa Statua di Stefano I d’Ungheria, il primo Re d’Ungheria, che ha governato il Paese dal 1000 al 1038.

Durante una visita alla fortificazione non bisogna perdere l’occasione per visitare la Cappella di San Michele, visto che una parte di essa si trova all’interno del Bastione dei Pescatori (è stata aperta al pubblico per la prima volta nel mese di 2013).

Molte persone visitano il Bastione dei Pescatori semplicemente per passeggiare sulle sue terrazze panoramiche, per scattare qualche foto e per godersi le viste più belle sulla città di Budapest.

Storia e curiosità

La fortificazione venne costruita tra il 1895 ed il 1902 su un progetto dell’architetto Frigyes Schulek.

L’imponente edificio doveva essere una parte della serie di sviluppi architettonici per la celebrazione del 1000° compleanno dello Stato ungherese. Ed è proprio per questo motivo che i progettisti si ispirarono allo stile neo-romanico del primo medioevo per il Bastione, omaggiando il periodo storico in cui il primo Re ungherese iniziò il suo dominio.

Le 7 torrette di avvistamento di mattoni chiari sono state costruite per rappresentare le 7 tribù ungheresi che hanno fondato il Paese nel lontano 895.

La statua equestre di Santo Stefano, costruita nel 1906, è dedicata al primo Re ungherese (1000-1038), ed è considerata un monumento di rilevanza storica per l’Ungheria.

Santo Stefano fu colui che fondò la chiesa ungherese, suddividendo il territorio in diocesi, ognuna delle quali faceva capo ad una chiesa. 

Il Bastione rimase gravemente danneggiato alla fine della Seconda Guerra Mondiale a causa dei bombardamenti tedeschi, ma venne restaurato subito dopo grazie a Janos Schulek, il figlio del primo architetto.

Durante gli scavi per la costruzione del Bastione dei Pescatori, venne portata alla luce la cappella sotterranea medievale di San Michele, una parte della quale è incorporata nel Bastione. 

Durante i decenni della dominazione comunista, appesa alle pareti del Bastione dei Pescatori c’era una stella rossa sovietica che aveva la funzione di ricordare a tutte le persone da chi era governata la città.

Esistono diverse teorie per spiegare l’origine del nome del Bastione dei Pescatori. La più realistica sembra essere quella secondo cui le mura fossero protette dai pescatori che vivevano sotto le mura, a Watertown e che proteggevano anche le mura in tempo di guerra.

Altri dicono invece che il nome è stato usato semplicemente per commemorare i pescatori che vivevano a Watertown, sul fiume Danubio.

Orari di ingresso

Il Bastione dei Pescatori è aperto tutti i giorni dell’anno, compresi i giorni di Natale, Capodanno e quelli delle festività nazionali.

È una delle poche attrazioni della città aperte ininterrottamente per 24 ore al giorno.

Solo per l’accesso alle torri superiori del Bastione dei Pescatori è necessario pagare un biglietto di ingresso, ma solo nei seguenti orari:

  • dalle ore 9:00 alle ore 19:00 dal 16 marzo al 30 aprile
  • dalle ore 9:00 alle ore 20:00 dal 1 maggio al 15 ottobre
  • ✅ Dal 15 ottobre al 15 marzo l’accesso è gratuito per tutto il giorno.

Costo di ingresso

  • Biglietto intero: 1.000 HUF (circa €3).
  • I bambini al di sotto dei 14 anni, i pensionati e gli studenti in possesso di un documento in corso di validità (sia gli studenti ungheresi che tutti quelli in possesso della carta dello studente dell’Unione Europea)  possono usufruire di una riduzione del 50% sul costo del biglietto.
  • I bambini di età inferiore ai 6 anni, gli insegnanti che accompagnano le scuole materne e gli insegnanti che accompagnano gruppi di studenti possono accedere gratuitamente.
  • I visitatori in possesso della Budapest Card possono richiedere uno sconto del 10% sul prezzo del biglietto.

Nelle fasce orarie al di fuori di quelle indicate qua sopra, la visita alle torri ed alle terrazze sia inferiori che superiori del Bastione dei Pescatori è gratuito.

Considerando che a Budapest la maggior parte dei musei è chiusa il lunedì, capita che molti turisti mettano in programma la visita al Bastione dei Pescatori proprio durante il primo giorno della settimana.

Dove si trova e come arrivare

Il Bastione dei Pescatori sorge sulla collina del Castello di Budapest, a pochi passi dalla chiesa di San Mattia. Siamo nel I distretto della città.

L’indirizzo preciso della fortificazione è Piazza Hess Andras 1-3, Budapest.

Nelle sue vicinanze, ad un paio di minuti a piedi, c’è la fermata dell’autobus denominata “Szentháromság tér”, dove fermano le linee 16, 16A, 116 e 916.Le fermate della metropolitana più vicine si trovano entrambe sulla linea rossa M1 (Batthyány tér e Budapest-Deli), ma distano entrambi 10’ a piedi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *